Sostenibilità ambientale e risparmio energetico.

Educazione ambientale, comportamenti ecosostenibili e informazioni sulle energie rinnovabili e pulite.

EcoDizionario

A | B | C | D | E | F | G | H | I | K | L | M | N | O | P | R | S | T | U | V | W

I termini ecologici più utilizzati, ma anche quelli meno comuni, le associazioni, le organizzazioni che operano per l'ambiente, le sigle principali.

Le tecnologie verdi, le tipologie di rifiuto e tante altre informazioni: scopri l'ecodizionario, il dizionario ecologico che ti aiuta a diventare più verde!

Conoscere le tematiche ambientali

Conoscere

Informazione ambientale e conoscenza delle problematiche ambientali


Tu sei qui : Homepage > Conoscere


Finanziaria 2010: Ambiente

Finanziaria 2010: i punti principali, gli stanziamenti, i tagli

Nel Disegno di Legge sulla Finanziaria 2010 non vi è alcun impegno concreto per il rispetto del Protocollo di Kyoto, né traccia dei 200 milioni di euro che erano stati destinati dal governo Prodi a un Fondo rotativo utile anche per le imprese.
Zero euro per la Conferenza nazionale sulla biodiversità, ridotto di due terzi il bilancio del Ministero dell'Ambiente, soli 276 milioni di euro complessivi al comparto della tutela ambientale, cioè alla difesa del mare, del suolo, le bonifiche, le aree protette, l'agenzia ambientale Ispra, la Convenzione internazionale per le specie protette - CITES.

Difficile azzardare qualcosa sulla copertura per gli interventi sull'efficienza energetica degli edifici: infatti, se è vero che per gli interventi a favore del risparmio energetico effettuati sulle abitazioni la copertura è valida sino al 31 dicembre 2010, è anche vero che la norma non è stata prorogata e quindi non si ha alcuna certezza per il 2011
.

Purtroppo, nel triennio 2009 - 2011, i fondi del ministero dell'Ambiente sono stati ridotti per un importo vicino al 50%: una riduzione nel triennio di 678 milioni di euro sui 1.300 milioni di euro realmente disponibili nel 2008.
E' lo stesso rappresentante del Governo a denunciare una situazione grave, dovuta ad un ulteriore ridimensionamento, che fa passare il bilancio del Ministero dai 1.700 milioni di euro stanziati dal governo Prodi, ai 1.265 garantiti dal governo Berlusconi, ai 738 milioni circa del 2010, per arrivare ai 590 milioni del 2011. Quindi con un dimezzamento in soli due anni e una riduzione dei 2/3 in tre anni.



Maggiori sanzioni contro i reati al paesaggio: una proposta del FAI

Il FAI - Fondo per l'Ambiente Italiano ha raccolto l'invito del ministro per i Beni e le Attività Culturali a sostenere la proposta di legge presentata dal suo ministero il 23 maggio 2008, che aumenta le sanzioni penali per chi danneggia il paesaggio e introduce il reato di "frode paesaggistica" per chi utilizzi documenti falsi o falsifichi documentazione allo scopo di edificare in violazione delle norme.
Il FAI chiede la collaborazione di tutti i soggetti sensibili al problema per portare le richieste in Parlamento.
In particolare, la legge prevede sanzioni più severe per il reato di danneggiamento di bene paesaggistico (ora punito solo con ammenda) come la reclusione fino a quattro anni e la multa fino a cinquantamila euro.
Il momento sembra essere favorevole: infatti, la sentenza della Corte Costituzionale n. 367 del 7 novembre scorso ha riconfermato il valore assoluto e primario del paesaggio, in linea con l'art. 9 della nostra Costituzione, respingendo i ricorsi delle Regioni che ne rivendicavano la competenza in tema di tutela.
Clicca qui per saperne di più e per firmare l'appello