Raccolta differenziata

EcoDizionario

A | B | C | D | E | F | G | H | I | K | L | M | N | O | P | R | S | T | U | V | W

I termini ecologici più utilizzati, ma anche quelli meno comuni, le associazioni, le organizzazioni che operano per l'ambiente, le sigle principali.

Le tecnologie verdi, le tipologie di rifiuto e tante altre informazioni: scopri l'ecodizionario, il dizionario ecologico che ti aiuta a diventare più verde!

Risparmio energetico ed energia pulita: funzionano.

Scopri il risparmio energetico.

Quello che dobbiamo fare è democratizzare l'energia. La terza rivoluzione industriale significa dare potere alle persone e per la generazione cresciuta con la Rete questo è la conclusione e il completamento di questa rivoluzione, proprio come ora parliamo in Internet, centinaia di persone sono in Internet, ed è tutto gratuito, e questi possono creare il più grande, decentralizzato, network televisivo, open source, condiviso … perché non possiamo farlo con l'energia ?

Jeremy Rifkin

 

I temi "caldi": raccolta differenziata, Cip6, risparmio energetico, casa ecologica, certificazione energetica.

  • Casa in paglia, Casa ecologica, bioedilizia
  • Certificazione energetica, conto energia
  • Discarica, percolato, come funziona una moderna discarica
  • Raccolta differenziata
  • Risparmio energetico
  • ambientale
  • Energie rinnovabili, enrgia solare, fotovoltaico
  • Inceneritore, come funziona, danni alla salute
  • Cip6, cose'è, come funziona
  • Cambiamenti climatici, riscaldamento globale
  • Combustibili fossili, petrolio in Italia, carbone
  • Biozeta concimi naturali biologici
Riscaldamento globale fuori controllo

Riscaldamento globale fuori controllo

Entro la fine del secolo pianeta rovente.

10 anni per evitare una catastrofe climatica e sociale: in sintesi, è questo il contenuto del Quinto Rapporto Ipcc sullo stato del Pianeta.

Il testo, frutto di 6 anni di lavoro di 209 scienziati e 1.500 esperti, parla chiaro: se non modifichiamo subito i nostri comportamenti a livello locale e il modello assurdo di sviluppo basato su deforestazione e utilizzo di combustibili fossili a livello globale, la Terra si troverà ad affrontare uno scenario, nella più drammatica delle ipotesi, che prevede un innalzamento dei mari di oltre 60 cm e un aumento delle temperature medie vicino ai 4 gradi centigradi rispetto all'era pre-industriale.

Perché? L'Ipcc spiega che l'accumulo di CO2 in epoca pre-industriale era pari a 280 parti per milione, oggi siamo a 421, e l'indicatore continua a salire inesorabilmente al ritmo di oltre 2 parti/anno: considerato che 400 parti per milione costituiscono la soglia massima invalicabile per evitare seri danni all'intero ecosistema, l'uomo dovrebbe tagliare drasticamente l'utilizzo di gas e carbone e bloccare la deforestazione a partire da oggi. Assai improbabile, visto che le nostre azioni stanno seguendo passo passo la strada che porta allo scenario peggiore: 936 parti di CO2 per milione entro la fine del secolo porteranno ad uno situazione climatica insostenibile per tutti gli abitanti della Terra.

L'ipcc definisce"virtualmente certo" il cambiamento climatico e ammette che "per la prima volta ci è stato chiesto di esaminare l'ipotesi di un aumento compreso tra i 4 e i 6 gradi, quello appunto verso cui attualmente stiamo andando. In questo caso l'impatto sulla vita del pianeta sarebbe pesantissimo: i biologi ormai parlano di sesta estinzione di massa".

Laconico il commento di Greenpeace: "L'ultima volta che il nostro pianeta è stato esposto a concentrazioni di anidride carbonica superiori a 400 parti per milione le temperature erano di 4 gradi più alte e i mari avevano guadagnato fino a 40 metri: non sembra il caso di ripetere quell'esperienza dovendo trovar posto a 9 miliardi di esseri umani".

Non abbiamo più tempo, agisci ora!

Terra, 24 settembre 2013

Le altre novità dal mondo dell'ecologia e sui temi ambientali

Plastica ovunque, anche nell'acqua che beviamo.

Plastica ovunque, anche nell'acqua che beviamo.

La raccolta differenziata non basta più, servono nuovi materiali.

Nuova Zelanda: comunità kiwi contro lo sfruttamento minerario.

Nuova Zelanda: comunità kiwi contro lo sfruttamento minerario.

Gli abitanti del Karangahake dicono no all'oro.

Fukushima, nuova esplosione nel reattore nucleare

Fukushima, nuova esplosione nel reattore nucleare

Sale il rischio di fusione nucleare, mentre le rassicurazioni del governo non convincono.

Aerei inquinanti, UE lancia progetto Clean Sky

Aerei inquinanti, UE lancia progetto Clean Sky

Ambiente e Ecologia, Consigli ecologici

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26