Anidride carbonica (CO2)


L'anidride carbonica (o biossido di azoto, formula chimica CO2) è il principale gas serra presente nell'atmosfera terrestre, ed è il risultato della combustione di un composto organico in presenza di una quantità di ossigeno sufficiente a completarne l'ossidazione(guarda video). In natura è, tra l'altro, il sottoprodotto della respirazione. L'anidride carbonica è una sostanza fondamentale per la vita di piante e animali.

Le piante utilizzano l'anidride carbonica per la fotosintesi: la CO2, combinata con l'acqua e per azione della luce solare e della clorofilla, viene trasformata in glucosio, con il risultato di liberare ossigeno come sottoprodotto.

L'anidride carbonica è naturalmente presente a basse concentrazioni nell'atmosfera Terrestre, dove agisce come gas serra. E' dimostrato che l'aumento molto rapido della sua concentrazione in atmosfera nell'ultimo secolo è da correlarsi all'uso intensivo deicombustibili fossili (petrolio e carbone in particolare), e di conseguenza al fenomeno del riscaldamento globale appare fuori discussione.

Oggi, sono allo studio metodi artificiali per catturare la CO2 al fine di limitare la presenza di questo gas serra in atmosfera: la "cattura" dell'anidride carbonica si effettua nei luoghi dove viene prodotta in grandi quantità (per esempio nelle centrali termoelettriche a carbone). Una volta "catturata", l'anidride carbonica viene iniettata nel sottosuolo, dove resta intrappolate per mezzo di meccanismi chimico-fisici.

Attualmente, la quantità di CO2 sequestrata è di circa 1 milione di tonnellate (in pratica una goccia nell'oceano), sotterrate in sacche sotterranee che dovrebbero trattenere l'anidride carbonica per migliaia di anni.

Ma Il principale metodo per smaltire le enormi quantità di anidride carbonica prodotte "artificialmente" dall'uomo è e rimane la fotosintesi clorofilliana svolta dalle piante (il processo che coinvolge luce, anidride carbonica e acqua trasformandole in ossigeno e glucosio): consiste quindi nel piantare e/o preservare in primo luogo le foreste e gli alberi, che in modo semplice, economico e spontaneo contrastano da milioni di anni l'effetto serra (guarda video).