Raccolta differenziata

EcoDizionario

A | B | C | D | E | F | G | H | I | K | L | M | N | O | P | R | S | T | U | V | W

I termini ecologici più utilizzati, ma anche quelli meno comuni, le associazioni, le organizzazioni che operano per l'ambiente, le sigle principali.

Le tecnologie verdi, le tipologie di rifiuto e tante altre informazioni: scopri l'ecodizionario, il dizionario ecologico che ti aiuta a diventare più verde!

Risparmio energetico ed energia pulita: funzionano.

Scopri il risparmio energetico.

Quello che dobbiamo fare è democratizzare l'energia. La terza rivoluzione industriale significa dare potere alle persone e per la generazione cresciuta con la Rete questo è la conclusione e il completamento di questa rivoluzione, proprio come ora parliamo in Internet, centinaia di persone sono in Internet, ed è tutto gratuito, e questi possono creare il più grande, decentralizzato, network televisivo, open source, condiviso … perché non possiamo farlo con l'energia ?

Jeremy Rifkin

 

I temi "caldi": raccolta differenziata, Cip6, risparmio energetico, casa ecologica, certificazione energetica.

  • Casa in paglia, Casa ecologica, bioedilizia
  • Certificazione energetica, conto energia
  • Discarica, percolato, come funziona una moderna discarica
  • Raccolta differenziata
  • Risparmio energetico
  • ambientale
  • Energie rinnovabili, enrgia solare, fotovoltaico
  • Inceneritore, come funziona, danni alla salute
  • Cip6, cose'è, come funziona
  • Cambiamenti climatici, riscaldamento globale
  • Combustibili fossili, petrolio in Italia, carbone
  • Biozeta concimi naturali biologici
COP 21: dopo le parole, ora le azioni.

COP 21: dopo le parole, ora le azioni.

Dopo Parigi, servono atti concreti coraggiosi.

La COP 21, o Conferenza sui cambiamenti climatici di Parigi, è terminata: sotto la presidenza del Ministro degli Esteri francese, la conferenza si era posta l’obiettivo di un accordo vincolante sul clima accettato da tutti i Paesi membri ONU.

La negoziazione, partita sulla base del cosiddetto Accordo di Parigi, prevedeva un accordo globale sulla riduzione dei gas serra responsabili dei cambiamenti climatici pari ad almeno 2 gradi centigradi rispetto ai livelli pre-industriali entro il 2050.

Come? Principalmente, puntando inizialmente alla riduzione dell’utilizzo di combustibili fossili (i responsabili dell’innalzamento delle temperature, oltre che di innumerevoli catastrofi ambientali e danni permanenti all’ambiente che circondano i siti d’estrazione, è bene ricordarlo) a favore di risparmio energetico e delle energie rinnovabili, fino alla loro completa messa al bando a partire dal 2050.

L’accordo diventerà giuridicamente vincolante se ratificato da almeno 55 dei paesi rappresentanti almeno il 55% delle emissioni globali di gas serra: i quantitativi di riduzione saranno però “volontari”, quindi senza alcun “deterrente” sanzionatorio ad esclusione dell’inserimento in una sorta di “black list” dei Paesi inadempienti, la cosiddetta “name and shame”.

La data per la firma dell’accordo è stata fissata ad aprile del 2017…

Inoltre, nella versione adottata dell'Accordo di Parigi, gli Stati dovrebbero anche “impegnarsi di proseguire gli sforzi per limitare l'aumento della temperatura di 1,5° entro il 2030.

Un discreto accordo quindi sulla carta, ma le infinite variabili legate soprattutto ad interessi economici oltre che politici giocheranno un ruolo fondamentale: in pratica, alle buone intenzioni dovranno seguire scelte ed azioni concrete molto coraggiose.

Scelte rese ancor più urgenti dalla situazione odierna: temperature alte, mancanza di pioggia e neve sui rilievi potrebbero avere effetti veramente gravi sull’ecosistema ma anche sulle economie agricole, mentre le città soffocano sotto cappe di smog e polveri sottili imprigionate dalle nebbie.

Una situazione che non si può certamente risolvere dall’oggi al domani, ma nemmeno con politiche “prudenti” o interventi di “contenimento”: ecco perché, forse, da COP 21 ci si potrebbe essere aspettati qualcosa di più coraggioso.


Terra, 28 dicembre 2015

Le altre novità dal mondo dell'ecologia e sui temi ambientali

Gas serra: nel 2011 il record

Gas serra: nel 2011 il record

Global warming: serve un'idea di sviluppo diversa.

Giornata dell'Albero: adottane uno.

Giornata dell'Albero: adottane uno.

Giornata dell'Albero: come adottare un amico prezioso.

Conferenza Clima, impegni ancora disattesi.

Conferenza Clima, impegni ancora disattesi.

Doha (Qatar): il Clima non può attendere.

Efficienza energetica, si fa ancora troppo poco.

Efficienza energetica, si fa ancora troppo poco.

Risparmio energetico, opportunità di sviluppo per l'industria.

Buon 2013!

Buon 2013!

Auguri per un 2013 verde!

1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27